You are currently viewing Torna l’estate del teatro con ArtiGiano 2021

Torna l’estate del teatro con ArtiGiano 2021

25 serate in programma per il festival firmato Il Giardino delle Ore

ERBA – Un ritorno a teatro accolto con entusiasmo dal pubblico erbese quello di sabato 8 maggio per Il Giardino delle Ore e Simone Severgnini. Suoi infatti il testo e la regia, e sua l’interpretazione, dello studio Monna Lisa Mon Amour, nuova produzione ormai prossima al debutto, andato in scena alle ore 19. La Sala Teatro Noivoiloro piena al massimo della capacità consentita dalle vigenti norme anti-covid è stata un chiaro segnale della voglia di tornare in sala di tutti i presenti.

Sempre sabato, ma alle ore 18, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2021 di ArtiGiano, festival di arti performative che ogni anno porta il teatro nei luoghi più suggestivi e di rilievo artistico e storico del nostro territorio. Sono 25 le serate in programma, tutte all’aperto e in location di pregio, a partire dal Teatro Licinium di Erba, che sarà il palcoscenico per la nuova produzione di Romeo e Giulietta, per la regia di Simone Severgnini e Davide Marranchelli. Sul palco, sei attori professionisti selezionati tra le oltre 600 candidature arrivate da tutta Italia. Domenica 9 maggio si sono tenute le ultime audizioni e nei prossimi giorni verrà definita la rosa finale.

Il Giardino delle Ore si prepara ad accogliere il suo pubblico all’aperto e in tutta sicurezza, nel pieno rispetto delle norme anti-covid. La prenotazione per gli spettacoli sarà sempre obbligatoria, come sarà obbligatorio per il pubblico indossare mascherine chirurgiche o FFP2 e rispettare il distanziamento sociale. Sarà sempre attivo il triage per la misurazione della temperatura all’ingresso. Per informazioni e prenotazioni, scrivere all’indirizzo scuola@ilgiardinodelleore.com o visitare la pagina dedicata al festival.

Per vedere la diretta Facebook della conferenza stampa sulla pagina di Radio Asso TV, cliccare qui.

Per leggere l’articolo su ErbaNotizie, cliccare qui.

Calendario degli eventi ArtiGiano 2021

  • 19-20 giugno 2021 | Teatro Licinium, Erba (CO)
    Sogno di una notte di mezza estate
  • 25-26-27 giugno 2021 – 3-4-10-11 luglio 2021 | Teatro Licinium, Erba (CO)
    Romeo e Giulietta | nuova produzione Il Giardino delle Ore
  • 1-2 luglio 2021 | Monguzzo (CO)
    Un Viaggio Divino
  • 8-9 luglio 2021 | Teatro Licinium, Erba (CO)
    La Donna Vendicativa
  • 15 luglio 2021 | Villa Meda, Canzo (CO)
    Il paese delle facce gonfie
  • 16 luglio 2021 | Villa Meda, Canzo (CO)
    Abbracciami pirla
  • 17 luglio 2021 | Villa Meda, Canzo (CO)
    Superhero
  • 18-19 luglio 2021 | Villa Meda, Canzo (CO)
    Il Gran Teatro del Mondo
  • 22-23 luglio 2021 | Parco Comunale, Albavilla (CO)
    Bodas de Sangre
  • 24-25 luglio 2021 | Villa Guaita, Ponte Lambro (CO)
    Le Donne al Parlamento
  • 30 luglio 2021 | Villa Guaita, Ponte Lambro (CO)
    I Fisici
  • 31 luglio 2021 – 1 agosto 2021 | Villa Guaita, Ponte Lambro (CO)
    Bridge of Music

Più informazioni sui singoli spettacoli > > >


L’Associazione Culturale e Teatrale Il Giardino delle Ore opera sul territorio dal 2011. Il Giardino delle Ore si prefigge lo scopo primario di diffondere una cultura teatrale di alto profilo, anche collaborando con tutte la rete di realtà sociali, artistiche e aggregative già sul territorio. L’associazione ospita una residenza artistica, organizza rassegne e festival, percorsi formativi di alto profilo (dal 2012 Scuola Giardino ha ospitato oltre 500 allievi oltre a più di 50 laboratori attivati nelle scuole), accanto alla principale attività di produzione artistica e performativa. Il portfolio delle produzioni del Giardino delle Ore ambisce a esplorare tutte le accezioni e le sfumature della messa in scena: dal teatro d’autore alle drammaturgie originali, dal teatro danza al monologo, dal teatro sociale alla commedia e al teatro musicale. Sempre attraverso uno stile basato sul corpo e sul potere evocativo di immagini e suoni; senza mai dimenticare il tentativo di ridurre al massimo la possibile distanza tra pubblico e performance.