You are currently viewing Incursioni Teatrali 2021/2022: Fatti di Cultura

Incursioni Teatrali 2021/2022: Fatti di Cultura

Al via la nuova stagione teatrale del Giardino delle Ore: appuntamenti da novembre 2021 ad aprile 2022

ERBA – Il Giardino delle Ore è pronto a spegnere le luci in sala e a riaccendere la magia del teatro con la sua nuova stagione teatrale. Fatti di Cultura è il titolo della dodicesima edizione di Incursioni Teatrali, la stagione che la compagnia erbese cura dal 2011.

“Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza”, cita Simone Severgnini, direttore artistico del Giardino delle Ore. “Nell’anno del settecentenario di Dante e nell’anno della riapertura al 100% dei teatri abbiamo scelto di intitolare questa stagione Fatti di Cultura per raccontare il nostro desiderio di ubriacarci di bellezza. La cultura è quello di cui siamo fatti; e non solo si mangia con la cultura, ma si cresce, ci si riproduce. La cultura fa battere il cuore, muove un respiro comune, dà un nome alle cose sconosciute, ravviva la memoria e rafforza l’immaginario e le visioni di futuro. Questa dodicesima stagione di Incursioni Teatrali sarà ancora più fortemente motivo di unione per la nostra meravigliosa comunità teatrale.”

Il programma della stagione è stato presentato martedì 19 ottobre alla stampa e prevede 8 incontri con 6 spettacoli teatrali da novembre 2021 ad aprile 2022. Si parte sabato 6 novembre con Superhero, di e con Nicola Bizzarri, una produzione Stendhart. A dicembre il doppio appuntamento con una delle ultime produzioni Il Giardino delle Ore, Piero l’italianò: in scena Simone Severgnini, Tommaso Severgnini e Dimitri Pugliese. A gennaio torna a Erba Gloria Giacopini, che il pubblico erbese ha già incontrato nei panni di Frate Lorenzo la scorsa estate nel Romeo e Giulietta al Licinium: porta in scena il monologo Signorina, lei è un maschio o una femmina?, scritto con Giulietta Vacis. Febbraio e marzo vedono sul palco La Cvlla, di e con Fabrizio Bianchi e Alessandro Grima, e La Nebbiosa, con Stefano Annoni e Diego Paul Galtieri. Chiude la stagione ad aprile Big Fake Theory, vincitore nel 2019 del bando Udienze promosso dal Giardino delle Ore: uno spettacolo di e con Simone Coira, Valentina Montesano e Marco Spreafico, allievi di lunga data del percorso formativo La Bottega dell’Attore di Scuola Giardino.

Il Giardino delle Ore aspetta il suo pubblico presso la Sala Teatro Noivoiloro, ora a capienza piena, in via del Lavoro 7 a Erba. Gli spettatori dovranno essere muniti di certificazione Green Pass da esibire all’ingresso.

Prezzo del biglietto di ingresso: intero €12, ridotto €7 per under18 e allievi di Scuola Giardino.

Più informazioni alla pagina dedicata. Per prenotazioni, scrivere un’e-mail a biglietteria@ilgiardinodelleore.com, un messaggio WhatsApp al numero 342 364 4156 o compilare il modulo online su questa pagina. A breve sarà possibile acquistare i biglietti in prevendita online direttamente sul sito dell’Associazione.

La presentazione della nuova stagione teatrale arriva dopo un week-end che ha visto Il Giardino delle Ore impegnato in quattro repliche nell’arco di due giorni. Sabato 16 è infatti andato in scena in due matinée lo spettacolo Un Viaggio Divino, sulla Divina Commedia di Dante; in platea gli studenti del Liceo Carlo Porta di Erba. Sempre sabato, ma in serata, è salito sul palco Simone Severgnini con la nuova produzione della compagnia, Monna Lisa Mon Amour, per una serata dedicata al Noivoiloro e alla raccolta fondi che Il Giardino delle Ore ha lanciato per sostenere i progetti dell’Associazione che da anni ospita i corsi di teatro e gli spettacoli della stagione teatrale. Domenica 17 Monna Lisa ha replicato per insegnanti, operatori e studenti delle scuole: uno speciale momento di incontro e dialogo tra teatro e scuola.

Oltre agli spettacoli in programma presso la Sala Teatro Noivoiloro, Il Giardino delle Ore sta lavorando assieme al Comune di Erba a un calendario di eventi non solo teatrali ma anche di musica dal vivo e cinema d’autore, eventi che troveranno spazio nella Sala Polivalente del Centro Polifunzionale di San Maurizio (Ex Tribunale).

Proseguono intanto i corsi di teatro di Scuola Giardino nelle sedi di Erba, Lecco e Milano.


L’Associazione Culturale e Teatrale Il Giardino delle Ore opera sul territorio dal 2011. Il Giardino delle Ore si prefigge lo scopo primario di diffondere una cultura teatrale di alto profilo, anche collaborando con tutte la rete di realtà sociali, artistiche e aggregative già sul territorio. L’associazione ospita una residenza artistica, organizza rassegne e festival, percorsi formativi di alto profilo (dal 2012 Scuola Giardino ha ospitato oltre 500 allievi oltre a più di 50 laboratori attivati nelle scuole), accanto alla principale attività di produzione artistica e performativa. Il portfolio delle produzioni del Giardino delle Ore ambisce a esplorare tutte le accezioni e le sfumature della messa in scena: dal teatro d’autore alle drammaturgie originali, dal teatro danza al monologo, dal teatro sociale alla commedia e al teatro musicale. Sempre attraverso uno stile basato sul corpo e sul potere evocativo di immagini e suoni; senza mai dimenticare il tentativo di ridurre al massimo la possibile distanza tra pubblico e performance.